21
text
Uno spazio per apprendere, di Camilla Zabaglio, insegnante di scuola primaria, collaboratrice CREMIT
Il contributo prova a rendere conto dell’importanza dello spazio in relazione all’apprendimento mettendo in luce la necessità del lavoro progettuale svolto dall’insegnante. A partire dall’analisi di tale correlazione dello spazio-aula, lo sguardo si allarga anche ad altri spazi scolastici e alla loro connessione con l’attività didattica.
 
Classe ampliata grazie alla tecnologia, di Irene Mauro, collaboratrice CREMIT
Il contributo analizza come il setting d’aula si estenda grazie all’utilizzo della tecnologia. A partire dalla configurazione che lo spazio assume integrando nella didattica strumenti 2.0, il contributo prova a indicare alcune funzioni che tale spazio può assumere nella scuola primaria.

Comunicazione di un progetto, di Alessandra Carenzio, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
Come attori della scuola, siamo abituati a pensare a un progetto come un grande contenitore costruito per lavorare con i ragazzi e con il territorio per fornire opportunità ai primi (per rispondere ai loro bisogni educativi e cognitivi) e garantire al secondo la possibilità di “fare sistema” e incontrare clienti/utenti potenziali. In questo articolo proviamo a lanciare una sfida, ovvero pensare a un progetto come un prodotto da comunicare, un oggetto che assume valore non solo per chi vi partecipa direttamente, ma anche per chi lo legge, lo ascolta e lo segue sui social media.

Comunicare un progetto, di scuola di Serena Triacca, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
I Social Network, in particolare Facebook, il più diffuso, fanno ormai parte del nostro quotidiano. Questo contributo vuole fornire qualche spunto a tutti gli insegnanti che intendano curare uno spazio in Facebook, tramite il quale comunicare i progetti in cantiere nella propria scuola. Verranno sottolineati gli specifici vincoli e le opportunità offerte dallo strumento, in modo che l’insegnante (la scuola) possa tenere alta l’attenzione lungo tutto il percorso che si snoda dalla scelta del formato Facebook più adatto (pagina o gruppo?), all’impostazione del piano editoriale (quando e cosa pubblico?), fino alla gestione delle interazioni con i propri “seguaci” (come regolo la comunicazione?). Lo stile dell’articolo è volutamente colloquiale e il linguaggio è semplice, per venire incontro a tutti coloro che non hanno mai visto come funziona una pagina Facebook... “dall’interno”1 .

La valutazione scolastica e le sue potenzialità inclusive, di Michela Carbonari, Università degli studi di Macerata
La valutazione rappresenta un tema molto dibattuto nei contesti scolatici ed educativi per il fondamentale ruolo che riveste nei processi di apprendimento e d’insegnamento e per le ripercussioni che determina sugli attori delle relazioni triadiche studente-scuola-famiglia. Più in generale, ci si interroga da lungo tempo su quale sia il vero significato e l’auspicabile intento della valutazione. In senso etimologico la valutazione è un processo attraverso il quale si assegna o si dichiara il valore di qualcosa, si valorizza qualcosa in funzione di uno scopo. La valutazione è il processo della determinazione del merito, della significatività o del valore di qualcosa o il prodotto di tale processo (Scriven 2000). Quando la valutazione può essere inclusiva? L’autrice analizza il concetto dal punto di vista teorico e delle raccomandazioni europee.

Pensiero probabilistico, di Teresa Gazzolo, insegnante di scuola primaria
In matematica il calcolo probabilistico è, forse, tra le competenze del pensiero matematico, quella più complessa da acquisire per un bambino che spesso tende ad attribuire all’accadere degli eventi, un che di magico o fortuito. In questo contributo l’insegnante mette a punto un percorso di ricerca-azione, che si snoda dalla classe prima alla classe quarta, educando le menti dei bambini, attraverso giochi o episodi situati di apprendimento, al pensiero probabilistico.

Ragionamento proporzionale, di Carla Baglietto e Rosalia Zunino, insegnanti di scuola primaria
Il calcolo proporzionale: nel presente contributo le autrici ripercorrono insieme al lettore il percorso di ricerca azione sul calcolo proporzionale intrapreso dall’ultimo anno della scuola dell’infanzia sino alla primaria per avvicinare i bambini al ragionamento proporzionale, attraverso esperienze pratiche guidate, sollecitando la discussione e il confronto tra pari per dedurre l’idea di proporzione e la sua corretta applicazione in esperienze di vita pratica.

La scuola e le nuove tecnologie, di Matteo Bianchini, Scuola-Città Pestalozzi, Firenze
La didattica 2.0 è divenuta oramai oggetto di ampie e dibattute riflessioni sia nel’ambito della ricerca didattica che nella prassi didattica degli insegnanti. Sebbene gli orientamenti della prima spingano verso un consolidato riconoscimento, le pratiche degli insegnanti sono ancora ostaggio di giuste perplessità. L’autore, che porta l’esperienza di una scuola “particolare”, ovvero Scuola Città Pestalozzi, riparte dai comuni dubbi degli insegnanti riflettendo su come la didattica possa essere 2.0, semplicemente essendo una buona didattica, senza perdere di vista gli indiscussi vantaggi che le tecnologie possono apportare a una buona didattica.

Salute a scuola, di Bruna Baggio e Liliana Coppola, referente USR Lombardia e referente Direzione Generale Salute – Regione Lombardia
«La salute è creata e vissuta dalle persone all’interno degli ambienti organizzativi della vita quotidiana: dove si studia, si lavora, si gioca e si ama. [...]» The Ottawa Charter for Health Promotion, WHO, 1986 Da più parti la scuola è chiamata a farsi carico dei problemi di carattere sanitario che gravano sulla nostra società. L’importanza di sostenere stili di vita favorevoli alla salute sin dalla prima infanzia, in un’ottica di prevenzione di fattori di rischio quali obesità infantile, tabagismo, abuso di alcool e consumo di sostanze, chiama in causa una molteplicità di attori e di istituzioni e tra queste la scuola è certamente quella fondamentale.
67/zarcntext/14223505937608393793_SIM-14-15-cop6-L.jpg
sx
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.