40
text
L’inclusione degli alunni stranieri, di Maria Fiorella Dell’Olio
Il fenomeno migratorio che ha interessato l’Italia e relativamente recente e ha fatto emergere la necessita di una specifica formazione dei docenti e di una progettazione mirata ai bisogni specifici degli studenti stranieri (Perla 2013).
L’accoglienza dell’alunno straniero e il primo passo da compiere per garantire allo studente un inserimento “non invasivo” nel contesto scolastico. L’insegnante dovrebbe mettere in atto nuove strategie per l’accoglienza degli alunni stranieri e per il loro inserimento nelle classi e sviluppare metodologie didattiche che permettano inizialmente l’apprendimento dell’italiano e successivamente l’apprendimento dei contenuti disciplinari. L’approccio inclusivo dell’insegnante dovrebbe, inoltre, promuovere le relazioni all’interno del gruppo classe favorendo la conoscenza reciproca.
 
La scuola e i “Nuovi Italiani”, di Annamaria Ventura
I “Nuovi Italiani” rappresentano i bambini e i ragazzi di origine straniera, ormai oltre un milione, “che nel nostro Paese vivono, studiano e crescono respirandone sin dall’infanzia la cultura e le tradizioni” (Caferri 2014), ragazzi ponte tra il loro Paese di origine e la società in cui vivono. Cruciale e il ruolo svolto dalla scuola, in quanto agenzia educativa, nel permettere l’inclusione dei “Nuovi Italiani” nel contesto classe e nel garantire loro un percorso educativo efficace al pari degli studenti autoctoni. Negli ultimi anni si e passati dalla scuola dell’accoglienza alla scuola dell’integrazione e, oggi, alla scuola dell’inclusione. Con tali espressioni Graziella Favaro (2010, pp. 2-3) descrive le tre fasi del percorso della scuola rispetto al tema dell’inserimento degli allievi stranieri negli ultimi decenni. Nella fase dell’accoglienza, i ten- La presenza nella nostra società dei bambini e dei ragazzi “Nuovi Italiani” ha trasformato la scuola in un luogo d’incontro di storie, tradizioni, lingue e religioni diverse. Le Linee guida proposte dal Ministero della Pubblica Istruzione propongono diversi interventi che caratterizzano il modello di integrazione interculturale della scuola italiana. All’interno dell’articolo vengono presentate alcune pratiche di integrazione quali il digital storytelling e il plurilinguismo.
 
La scuola oltre la scuola: l’istruzione domiciliare, di Laura Fiorini
L’istruzione domiciliare e caratterizzata, negli ultimi tempi, da patologie di tipo psichiatrico.
Il Consiglio di classe si trova nella complessa e delicata situazione di dover pianificare e realizzare interventi in contesti molto diversi da quelli ordinari. Per poter condividere le varie azioni formative e didattiche e creare sinergia tra alunno, famiglia, docenti e personale sanitario, in Lombardia, si utilizza il Piano Personalizzato di Apprendimento che definisce saperi essenziali,competenze trasversali, metodologie didattiche e modalità di valutazione in itinere e finale.
 
Il Montessori auto valutativo, di Silvia Sciapichetti
Pensare al concetto di autovalutazione oggi non e semplice e immediato. All’interno dell’ambiente scuola ne sentiamo parlare spesso, tuttavia a volte non viene dato il giusto peso e l’esatta valenza necessaria a questa nozione. E essenziale, pertanto, partire da quello che si pratica quotidianamente nelle sedi scolastiche e confrontare anche diversi approcci per approfondire e indagare su tale ambito. Un metodo dove l’autovalutazione e molto sentita e quello della Montessori. Grazie a un percorso di libera scelta dell’attività all’interno di una serie di opzioni in un ambiente che permette la spontanea e autonoma attività individuale, i bambini co-costruiscono il loro percorso di apprendimento e organizzano la loro conoscenza attivando un procedimento autovalutativo.
 
Il Signor Errore, di Chiara Zallocco
Quando si parla di autovalutazione ci si riferisce quasi sempre a quella relativa all’istituto o ai docenti, si parla invece troppo poco dell’autovalutazione degli alunni. All’interno del metodo Montessori l’autoverifica di ciascun studente e parte integrante del suo percorso di apprendimento e tale valutazione avviene in modo tangibile e spontaneo affinché possa accrescere negli alunni l’autonomia e la capacita di porre riflessioni critiche.
 
“Per far crescere un bambino ci vuole l’intero villaggio”, di Silvia Pacchiella e Sabrina Zanella
Genitori, studenti e docenti della scuola primaria “Don Milani” di Ferrara si sono impegnati all’unisono per una scuola bella, accogliente i cui ambienti rappresentino un invito a entrare. Ma non si tratta solo di abbellire la scuola, la condivisione del progetto a opera di tutti gli stakeholders coinvolti fa sì che il senso di appartenenza e condivisione incrementi, per una scuola di tutti.
 
La scuola in ospedale e il progetto Smart Future, di Stefano Bertora
Il punto di vista di un docente che ha svolto il ruolo di Samsung Educational Ambassador per il gruppo di insegnanti della sezione ospedaliera dell’I.C. “Sturla”. Proposte metodologiche e prospettive di possibili utilizzi della didattica digitale in un contesto particolarmente critico e peculiare caratterizzato “da complessità organizzativa, didattica, strumentale, affettiva e relazionale”.
 
Didattica inclusiva nella Scuola in Ospedale, di Immacolata Nappi
Il valore aggiunto, proprio della robotica nei processi di inclusione scolastica, è dato sia dall’interazione con l’oggetto “robot” tridimensionale, sia dal tipo di approccio didattico laboratoriale e collaborativo che la contraddistinguono.
 
Dalla Lombardia alla Sicilia: gentili è meglio, di Alberto Ardizzone
Può capitare, passeggiando il prossimo novembre per le strade di un comune della Lombardia, della Toscana o della Sicilia, di imbattersi in scuole tappezzate in modo strano. Striscioni e smile, post-it colorati, volti accoglienti che ti ricevono guardandoti bene negli occhi. No, niente di strano. Quei luoghi sono scuole. E non potrebbe essere altrimenti. Luoghi di incroci e di incontri impossibili. Posti unici, da lasciarci il cuore, oltre, a volte, un pezzettino di fegato. Posti dove puoi comunque trovare contaminazioni virtuose tra brandelli di pensieri, di culture, di esperienze, di idee, di età, di sensibilità. Posti come non ce ne sono altri al mondo, luoghi privilegiati di relazioni e di percorsi umani e culturali.
 
Qualche domanda sull’educazione alla cittadinanza, di Andrea Bortolotti
A fronte delle nuove responsabilità, a cui il sistema educativo si trova oggi di fronte, corrisponde anche la necessità di superare un’attività di insegnare/apprendere che sia finalizzata solo a fare acquisire conoscenze. Quando poi affrontiamo le tematiche dei rapporti interpersonali e sociali, oggi parliamo di “competenze di cittadinanza” o, forse più correttamente, “per l’esercizio della cittadinanza attiva”. Quale progettazione didattica è richiesta alla scuola oggi?
67/zarcntext/147755301685472733_SIM-03-16-17-1acop-L.jpg
sx
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.